Italian Afrikaans Arabic Belarusian Bulgarian Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Macedonian Malay Maltese Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Ukrainian

Il Val D'Akragas ricorda Pippo Agozzino alla Sagra 2010



Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

Pippo Agozzino

Il Val d’Akragas ricorda con questa pagina Pippo Agozzino,  coreografo straordinario del gruppo da mezzo secolo nella storia del folklore della città di Agrigento. Ricordare la  professionalità e l’umanità  di Agozzino significa richiamare la memoria dei tantissimi componenti e personaggi del gruppo che, negli ultimi 50° anni, lo hanno conosciuto, apprezzato e stimato. Pippo Agozzino è sicuramente protagonista assoluto dei successi del Val d’Akragas ad Agrigento  e  nel mondo. La sua grande capacità artistica di trasformare in danza e coreografia i brani musicali  divenuti poi celebri  quali  ” Ballata di San Calò, Jetta La Riti, Mediterraneo e tantissime altre, ha significato per questa città la piu’ autentica immagine di promozione culturale  della identità siciliana ed agrigentina. La sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile nel mondo del folklore in Sicilia nel ricordo di un ”Grande Maestro” emulato artisticamente  da tutti ed esempio  per le nuove generazioni.
Un immenso grazie dal Val d’Akragas. Lello Casesa


Nel video seguente Pippo Agozzino riceve una targa ricordo dal ministro Angelino Alfano per i suoi 50 anni di attività con il Val D'Akragas (tratto dallo spettacolo del 2009 "I 5 continenti del Val D'Akragas")

 

 

Così lo ricorda la giornalista Valentina Alaimo in un suo servizio su Telepace il giorno della sua scomparsa